Percorso per ciclisti mediamente allenati. Itinerario percorribile anche in due tappe per ridurre la difficoltà e raggiungere il Parco Nazionale del Pollino senza eccessivi sforzi.

ITINERARIO

Download file: 16_Policoro-Terranova.gpx

Si parte da Policoro, importante centro agricolo della costa ionica, con le sue spiagge sabbiose e il bellissimo Museo Archeologico Nazionale della Siritide. Lasciando la stazione ferroviaria alle spalle si raggiunge “Viale del Lido”, strada con spartitraffico centrale. Girare verso destra in direzione di Policoro, attraversare il paese e seguire le indicazioni “Pane e Vino” (che si raggiunge a 6 km dalla partenza).
Svoltare a sinistra passando tra le case, oltre una torretta/serbatoio di acqua, seguendo la direzione “SINNICA SS653”. Allo svincolo per la SS653 / Sinnica, procedere dritto passando sotto il ponte seguendo i
cartelli Valsinni / SS104. La SS104 (ora chiamata SP ex SS104) attualmente a scarso traffico automobilistico, unisce la costa ionica a quella tirrenica, terminando il suo tracciato a Sapri in Campania. Mantenere la direzione per circa 9 km in leggera ascesa fino ad entrare a Valsinni, alle cui spalle si erge il Monte Coppolo,
entrando di fatto nel territorio del Parco Nazionale del Pollino. Una sosta è consigliata per visitare il centro storico di Valsinni, alla cui sommità si erge il castello dove nel Cinquecento visse la poetessa Isabella Morra e alla quale è dedicato il Parco Letterario che ha sede nel piccolo centro (www.parcomorra.it). Si procede
per circa 13 km (asfalto non sempre ottimo) e si raggiunge un bivio: procedere a destra verso S. Giorgio Lucano (verso sinistra è possibile raggiungere la costa calabrese passando per Nocara, Canna e Oriolo). A circa 51 km dalla partenza si attraversa San Giorgio Lucano: mantenere la direzione principale su via IV
novembre. Usciti dal centro abitato, dopo circa 3 km seguire i segnali Parco Nazionale del Pollino / Terranova del Pollino. Siamo nella Valle del Sarmento, torrente affluente del Sinni. Il paesaggio inizia a cambiare passando dalla bassa vegetazione mediterranea a quella tipicamente di media montagna. Oltre a questa variante, l’itinerario offre la possibilità, a chi lo percorre in più tappe, di visitare altri centri storici quali: Noepoli, S. Paolo Albanese, Cersosimo. Aree attrezzate e strutture ricettive nei boschi consentono di vivere a pieno l’esperienza nel Parco. Dopo una breve discesa si raggiunge la valle, seguire sempre le indicazioni Terranova del Pollino / SS 92. Ora la salita si fa più impegnativa, circa 22 km dal fondo valle con una pendenza media del 3% e un dislivello di circa 650 mt. La fine del percorso è fissata in prossimità del municipio di Terranova del Pollino (930 m s.l.m.).