Calvello, sapori d’autunno

Oggi la nostra guida vi porta a Calvello, lo “scrigno adagiato tra i monti”.
Incastonato tra le cime dell’Appennino lucano, il borgo di Calvello appare come
uno scenografico presepe a grandezza naturale, un saliscendi di case in pietra,
scalinate strette e vicoli tortuosi circondati da paesaggi fiabeschi.
Da non perdere: la quattrocentesca Chiesa della Madonna degli Angeli, le
numerose testimonianze storiche e artistiche di Calvello nei palazzi nobiliari; il
castello medievale e le numerosissime chiese ricche di tele e sculture d’arte; il
complesso benedettino di Santa Maria del Piano, la Chiesa di San Giovanni
Battista e la Chiesa barocca di San Giuseppe.
Numerose sono anche le botteghe artigianali: il borgo lucano è infatti famoso
per l’arte della ceramica “faenza”, la cui lavorazione risale al Medioevo. Sosta
per la visita ad un laboratorio.
Al termine trasferimento verso il castagneto comunale (servizio navetta messo
a disposizione dalla proloco comunale) e tempo a disposizione per la propria
raccolta delle castagne.
Pranzo in agriturismo con menu tipico a base di castagne.