Fantasmagoria. Lanterne Magiche e Fantastiche macchine del Cinema

Presentata nel corso di una conferenza stampa tenutasi nel Palazzo della Cultura e del Turismo la mostra “Fantasmagoria, Lanterne Magiche e Fantastiche macchine del Cinema”, esposta nello stesso Palazzo, e che sarà visitabile tutti i giorni fino al 21 giugno, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19, per un massimo di 4 persone alla volta. A introdurre l’incontro l’assessore alla Cultura Stefania D’Ottavio: “Un altro tassello, un meraviglioso tassello, quello che questa mostra rappresenta all’interno del mosaico di attività che si muovono lungo quel percorso tracciato dal Piano triennale della Cultura, ricordando che ogni attività nasce attraverso un rapporto costante con gli operatori del settore e con il mondo associativo. E’ infatti grazie alla collaborazione con le associazioni culturali Cineteca Lucana e Making-of che viene offerta al visitatore questa straordinaria opportunità, costruita sull’asse Potenza – Oppido Lucano, ma che vede l’intero territorio regionale coinvolto, con la Fil Commission chiamata a svolgere sempre di più il suo ruolo nevralgico e centrale nella produzione culturale e cinematografica della nostra regione, e la presenza del presidente Roberto Stabile qui oggi, ne è un’importante conferma”. Il presidente Stabile, dal canto suo, ha evidenziato la necessità di “valorizzare il patrimonio che in parte viene esposto in questa vetrina d’eccezione, non dimenticando che al centro di tutte le conquiste tecnologiche c’è e deve rimanere l’essere umano. La Film Commission vuole raccogliere le istanze di tutti coloro che operano sul territorio e, successivamente al ‘summit audiovisivo lucano’ in programma dal 7 al 10 luglio prossimi, portarle all’attenzione delle Istituzioni locali e nazionali. Sarà nostro impegno portare in regione produzioni estere, continuando in ogni caso a lavorare per valorizzare le realtà locali”. Gaetano Martino, presidente dell’associazione ‘Cineteca lucana’, ha spiegato come la mostra voglia essere l’inizio di un sforzo comune, in grado di mettere in rete tutte le diverse realtà coinvolte, che miri a diffondere la cultura del cinema nella nostra terra. Il materiale qui ospitato testimonia un’opera di conservazione che attinge al tempo e ai luoghi del cinema. Il curatore della mostra Silvio Giordano, presentando ‘Fantasmagoria Lanterne Magiche e Fantastiche macchine del Cinema’ ha evidenziato come nel “1700 alcuni impresari molto creativi muniti di lanterna magica andavano in giro per i borghi e paesi a realizzare piccoli spettacoli teatrali definiti Fantasmagorici. La fantasmagoria era possibile grazie all’uso di una speciale lanterna al cui interno erano posta una candela accesa e una lente che serviva per proiettare figure su muri, lenzuola e pareti, grazie ad immagini dipinte su dei vetrini. Un rapido susseguirsi di luci, illusioni, fantasmi e spettri che ingannavano e stupivano il pubblico. Era l’esordio del cinema, della performaces audiovideo e anche dei videoproiettori di uso domestico. La parola Fantasmagoria è anche sinonimo di straordinario, spettacolare, fantastico, molteplice, vario, complesso. Tutti questi aggettivi si legano perfettamente alla cineteca lucana e alla mostra che ne prende il titolo. Fantasmagorica è la cineteca lucana e il suo inestimabile patrimonio culturale cinematografico mondiale. Si trova in Basilicata, ad Oppido Lucano. Uno scrigno prezioso di Pellicole, visori stereoscopici, proiettori, zootropi, manifesti d’autore e altre fantastiche macchine del cinema e del pre-cinema messe insieme grazie al lavoro diretto dal collezionista Gaetano Martino e dal figlio Henry.Il Comune di Potenza e, in particolare, l’Assessorato alla Cultura danno inizio alla stagione delle mostre proprio con un’eccellenza mondiale delle arti visuali. Vi domanderete perché partire da oggetti del 1600 per la prima mostra d’arte contemporanea. La risposta è che proprio in essi si trova l’origine e l’esordio della videoarte, della performance live, dell’illustrazione d’autore, dell’animazione video e del VR virtuale reality. Gli occhiali stereoscopici sono fotografie in 3d da guardare con visori uguali a quelli della vostra Playstation VR. Le animazioni dello zootropio sono le stesse che usa la Disney per i suoi cartoni animati ecc.Il Cinema in Basilicata continua a vivere di grandi produzioni cinematografiche internazionali. Vedi il film “007, No time To Die”, girato a Matera, “La Notte più lunga dell’anno”, girato interamente a Potenza. Il cinema contemporaneo, quindi, è possibile grazie ai creatori della Fantasmagoria, geniali oggetti rudimentali che hanno iniziato a rendere possibile l’impossibile.La mostra organizzata dall’Associazione Making-Of e dalla Cineteca Lucana non si limiterà solo a questa esposizione. Un accordo triennale stipulato tra il Comune di Potenza e la Cineteca Lucana offrirà la possibilità di altre future mostre ed eventi, come quella già in cantiere su uno dei registi più fantasmagorici del mondo: Federico Fellini. La città di Potenza vive un momento di cambiamento, come ben descritto nel dossier del piano triennale della cultura: Il Capoluogo torna ad essere “epicentro” creativo per tutta la Basilicata ed è proprio in questo contesto di nuovo fermento culturale che una mostra cosi speciale, unica in Italia, può ben collocarsi”.